Ciò che il governo mondiale vuole

21.07.2021

Oggi parleremo di quelle teorie del complotto che vengono censurate sempre più severamente nei diversi stati. Scrissi il libro Cospirologia e, nei primi anni ’90, introdussi questo termine nel linguaggio delle scienze politiche russe. Questa è, in linea generale, una parola americana. Inoltre, in uno dei miei primi discorsi alla Sorbona, ho proposto di introdurre questo termine in francese, perché i francesi usavano il termine cospirationnisme, ma non quello inglese cospirology.

Ho introdotto questa versione del termine in russo, tenendo una lezione sulle teorie del complotto alla Sorbona nel 1899… o meglio nel 1989 (Ho così tanti anni che posso anche confondere i secoli). Ho adottato il termine inglese cospirology in francese – conspirologie: questa parola divenne un neologismo per la lingua francese, e alcuni professori presenti alla mia lezione dissero: «È interessante, dobbiamo arricchire la nostra lingua francese prendendo in prestito questa parola anglosassone da un filosofo russo che tenne una lezione sulla cospirologia».

Adesso ho circa 30 anni o più di esperienza nello studio della cospirologia, ma a dire il vero, mentre studio teorie del complotto, sono sempre meno incline a fidarmi di loro. Credo che si tratti solo di una sorta di fenomeno sociologico, di un linguaggio: si prova un certo sospetto, una certa paura, una certa sensazione, talvolta una paura dell’incertezza. Le persone mancano di argomenti razionali per spiegare i processi che avvengono e si svolgono intorno a loro; esprimono la loro disperazione, la loro profonda frustrazione per le strutture del discorso dominante nella società, e tutto ciò dà origine a teorie cospirative. Infatti, se queste teorie appaiono spesso molto frivole, allora le ragioni della loro nascita, le strutture e gli algoritmi su cui si fondano sono molto gravi e hanno davvero un contenuto sociologico molto profondo, sono sociologicamente attendibili.

Permettetemi di ricordarvi ancora una volta che dal punto di vista della sociologia e del suo fondatore Durkheim, un fatto sociale non è ciò che esiste, ma ciò in cui la società crede. Se una società crede in qualcosa, allora è un fatto sociologico e sociale; se la scienza dice che si tratta di un’assurdità totale e che la scienza lo nega come un fatto non scientifico, allora si tratta di scienza.  Il fatto scientifico e quello sociologico non sempre si intersecano, appartengono ad altri campi, ad altri ambiti disciplinari, e quindi, se vogliamo comprendere la struttura e la natura della società, dobbiamo accettare questa regola sociologica. Se la società crede in qualcosa, allora esiste per la società, e se esiste per la società, allora si comporta come se fosse reale nel senso pieno della parola.

Per esempio, i miei colleghi di Politica Hermetica – è un movimento francese di sociologi che studiano vari fenomeni marginali, vari gruppi stravaganti – in particolare hanno citato molte volte nelle loro ricerche in risposta a qualche organizzazione inesistente, come la loggia massonica satanica, che non esisteva, ma che qualcuno ha inventato – per opporvisi, qualche antimassonica, sono state create organizzazioni anti-sataniste, ma che esistevano realmente. Queste organizzazioni fittizie possono condurre alla creazione di un’organizzazione reale: le leggi sociali sono tali che, in risposta ad un fatto sociale (reale o del tutto invalido), possono svilupparsi anche in una realtà incondizionata nel senso sociologico e scientifico, cioè esiste una certa struttura che la combatte, e questa lotta contro l’ombra è la lotta contro l’inesistente.

È così che funziona la società. L’immagine di questa teoria del complotto è tradizionale: ci sono cattivi che esercitano un potere tremendo e cercano di schiavizzare tutta l’umanità, la sua parte importante. Questo è il principio generale della teoria del complotto. In epoche diverse, in società diverse – a seconda dello stato culturale – al posto di questo potere segreto globale, hanno messo il diavolo, come nel Medioevo, ove le teorie del complotto erano semplici perché tutto si riduceva al diavolo. Il diavolo è un angelo caduto, invisibile, spirito maligno, è un pensiero malvagio, sta dietro tutto il male del mondo, è il “principe di questo mondo”. Attenzione – questo è il prototipo del governo mondiale. Egli – il diavolo – che governa questo mondo è, di conseguenza, il governo mondiale. Coloro che cadono sotto la sua influenza, lo servono e combattono contro le potenze cristiane, i regni, e anche con ogni singolo cristiano. Una teoria del complotto in un contesto religioso cessa di essere solo un delirio, perché se il governo mondiale è guidato dal diavolo, principe di questo mondo, e nella sua vita personale una persona si trova di fronte a una sorta di seduzione diabolica, o anche a dei peccati, o a degli spiriti caduti che lo spingono al peccato, di conseguenza una persona si trova nel campo d’influenza del governo mondiale. Dopo tutto, egli non è solo: deve avere un entourage di falconieri, esattori delle tasse, ecc., e tutto questo impero demoniaco avvolge l’umanità e, in linea di principio, riguarda tutti, ognuno può affrontare un esattore delle tasse come messaggero del principe, o, in determinate circostanze, incontrare con il governo un rappresentante del governo mondiale (il volto del diavolo) nella vita. Pertanto, non vi è alcun disturbo mentale o patologia specifica in questo quadro religioso del mondo. Non si tratta nemmeno di una teoria del complotto, ma solo di una visione religiosa, dove il diavolo sta al posto del governo mondiale.

Ma con la secolarizzazione delle nostre idee religiose, al posto di questo governo mondiale, al posto del diavolo (da quando hanno smesso di credere in lui) è rimasto e si è reso vacante. E poi, in questo luogo strutturale della coscienza umana, della mitologia umana, di una tale comprensione religiosa della natura del mondo, della natura della storia, della natura dei processi politici e, diciamo, dei processi mentali, si cominciarono a mettere varie altre figure: massoni, cospiratori, savi di Sion (in un’interpretazione diversa), comunisti (per i liberali, la cospirazione comunista era un argomento molto serio, soprattutto in l’era del maccartismo), tecnocrati, grandi capitalisti (cospirazione capitalista per la sinistra). In altre parole, a seconda di quale gruppo sociale alcuni strati e alcune persone appartenevano, si è formata l’idea di questo governo demoniaco, e così è stata interpretata.

 

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini