Egemonia e mente progressive

01.12.2020
È stato spesso sottolineato che il liberalismo classico dei padri fondatori degli Stati Uniti è stato sostituito da molto tempo, prima dal capitalismo secolarista e ora da una strana mischia di marxismo culturale aziendale radicale combinato con edonismo consumista (il cosiddetto “capitalismo risvegliato”). Questa dottrina tossica ha ora mano libera completa nel mondo accademico e in tutti gli aspetti della vita pubblica in Occidente. Nonostante anni di indottrinamento, eventi come Trump, Brexit e la Le Pen dimostrano che esiste ancora un profondo residuo del “vecchio mondo cattivo”, soprattutto nei nati prima del 1995. Questo non vuol dire che le persone prima di questa data siano libere dal lavaggio del cervello, ma che i nati dopo di esso raramente lo sono. Quello che abbiamo oggi è un controllo sulle menti e sui sistemi di credenze delle persone molto più grande di qualsiasi cosa Mao avrebbe potuto sognare. L'onnipresenza della nuova dottrina oppressore / vittima è data per scontata come “nuovo buon senso”, che è esattamente ciò che Gramsci ha promosso come alternativa alle rivoluzioni sanguinose.
 
Per quanto possa sembrare sorprendente, ci sono progressisti in Occidente che ancora oggi si considerano vittime della “teocrazia patriarcale reazionaria” in cui ovviamente viviamo. I fatti di Trump e della Brexit sono sufficienti per fargli rivendicare lo status di vittime nonostante il controllo totale che i progressisti hanno sulle onde radio e su tutto il resto.
 
Questo sorprende e fa infuriare i deplorevoli. Una cosa è stamparmi in faccia il tuo stivaletto arcobaleno, ma poi rivendicare lo status di vittima in cima è incredibile. Se qualche progressista sta leggendo questo articolo, lo inviterei a seguire con me la “sfida progressista vs deplorevole”: alzati la mattina e accendi la BBC o qualsiasi MSM, annota tutti i pro-Trump o anche i vagamente neutrali- commenti-su-Trump. Indossa il tuo berretto “Trump 2020” e fai un giro in metropolitana. Quando arrivi al lavoro, avvia una conversazione vicino alla macchina del caffè: “Non è triste per Trump, ora gli Stati Uniti potrebbero avere le leggi sull'aborto più estreme del mondo”. Guarda come va. Quando qualcuno ti chiede cosa farai nel fine settimana, di che andrai alla tua chiesa cattolica o evangelica tradizionalista. Sul tuo account di social media pubblica alcuni messaggi sulla prossima marcia pro-vita e pro-famiglia. Potresti aggiungere alcune citazioni dalla Bibbia, del tipo “maschio e femmina li ha creati”. Al contrario, invece di un cappello MAGA per andare al lavoro, ne indosserò uno di Biden, o forse il cappello del presidente Mao (quel grande progressista che ha ucciso circa 60 milioni di contadini cinesi). Chiederò alle persone di sostenere la mia raccolta fondi per le persone LGBT oppresse in Russia e così via. Possiamo farlo per una settimana o due e poi possiamo scambiarci gli appunti? Scommetto che tu per lo meno sarai disoccupato, o potresti essere in ospedale o in prigione.
 
Cosa rende i progressisti così ciechi? Penso che la risposta stia in due cose; il travolgente controllo mentale che è stato pompato dal lato oscuro dai cosiddetti “swinging sixties”, insieme all'egemonia della narrativa oppressore / vittima.
 
L'onnipresenza della nuova pseudo-religione progressista sfocia nell'autocensura che è il sine qua non della nostra era. Significa che i progressisti non incontrano quasi mai convinzioni opposte, tranne che come “esempi di stupidità” da parte dei media. Ciò che esce dai media va direttamente nella loro mente e direttamente dalle loro bocche, quasi non filtrato. Ma come può essersi verificata una situazione del genere e così rapidamente in appena una generazione o due? La risposta sta nell'incredibile successo del marxismo culturale di Gramsci, prima da parte dell'intellighenzia e da lì in quasi ogni sfera della vita pubblica. Gramsci ha proposto che una rivoluzione duratura in Occidente non sarebbe stata possibile fino a quando l’egemonia esistente degli “oppressori” non fosse stata sostituita con una nuova egemonia delle “vittime”. L'egemonia borghese si mascherava come “buon senso” e “legge naturale”, ma in realtà era un'invenzione dell'oppressore per mantenere il potere. Non esiste una moralità preesistente o trascendente, tutto è da inventare da una tabula rasa. Il patriarcato egemonico deve essere sostituito dall'egemonia del femminismo e il sesso maschile e quello femminile diventano ideologia di genere. Forse la cosa più importante di tutte, il cristianesimo è individuato come un insieme di assiomi oppressori da neutralizzare ed escludere dalla sfera pubblica. Lungi dall'essere sprezzante nei confronti della Chiesa cattolica, Gramsci lodò la sua capacità di colonizzare tutti gli aspetti della vita e tutti gli strati della società, dai contadini ai re. Ha proposto che il controllo della nuova egemonia debba essere almeno altrettanto pervasivo. Gramsci ha quindi posto un'enorme enfasi sull'istruzione come chiave della rivoluzione. Le prime a essere colonizzate dalla nuova egemonia furono le università del dopoguerra, che portarono alla ribellione studentesca, alla società permissiva e agli “swinging sixties”. La cosiddetta “lunga marcia attraverso le istituzioni” (Rudi Dutschke) non è durata molto. È culminato nell'adozione del marxismo culturale radicale da parte delle mega-corporazioni odierne. L'egemonico “capitalismo risvegliato” di Google, Facebook e altri hanno segnalato la vittoria irreversibile della nuova religione. Una volta che il mondo accademico e i media furono sequestrati, il crollo di qualsiasi resistenza altrove fu precipitoso.
 
Gramsci aveva ragione in quanto le origini di questa lotta erano antichissime e probabilmente si potevano far risalire al Giardino dell'Eden. Il cosiddetto “Illuminismo” e la Rivoluzione francese sono stati gli eventi cardine della storia moderna. Dopo questo, il genio era fuori dalla bottiglia e i tentativi di tornare all'ordine come la Santa Alleanza dello zar Alessandro furono sempre fragili e di breve durata. La nuova egemonia è prima di tutto in guerra con il cristianesimo, ma non solo. Le culture tradizionali di tutti i tipi sono nel mirino della nuova religione. Lo scopo è distruggere completamente tutte queste culture, o sostituirle con “versioni museali” senza fegato, surrogati, in cui tutto è ridotto a una pratica culturale superficiale e nulla riguarda gerarchie tradizionali e sistemi di credenze. La stupefacente banalità di un simile mondo si riflette nei giovani di oggi che non sono immersi nelle credenze e nella storia dei loro antenati e, di conseguenza, sono più monocromatici persino degli studenti isterici di Mao. Queste masse alla deriva dovrebbero ispirarci pietà, piuttosto che animosità. La vile ossessione per i pittoreschi centri storici e le chiese, resi repellenti da orde di studenti Erasmus, è essa stessa un'espressione di questo desiderio e svogliatezza. Anche l'attuale assurda moda per l’era vittoriana (barbe e biciclette retrò, ecc.) è una manifestazione di una generazione senza vere radici, alla disperata ricerca dell'autenticità.
 
Ritorniamo alla cecità dei progressisti di oggi. Riguardo alla dottrina oppressore / vittima, Rod Dreher ha acutamente sottolineato che il nuovo marxismo culturale dei globalisti non è tanto interessato alla ricchezza contro la povertà quanto alla “virtù” contro la “non virtù”. Forse questo è qualcosa a che fare con il fatto che l'intera narrativa è controllata oggi da poche grandi aziende globali che vendono trilioni di dollari. Più importante della ricchezza è l'appartenenza ad un “gruppo di vittime” elevato: preferenza sessuale (genere), razza, migranti, palestinesi ecc. Parafrasando Dreher: “un uomo evangelico bianco disabile che vive di sussidi in un parcheggio per roulotte è un oppressore mentre una professoressa universitaria lesbica nera è una vittima”. Quindi è perché il paradigma vittima / oppressore è quello dell'identità che sei ancora un oppressore, anche quando 10.000 persone ti fanno vergognare in uno stadio di calcio, come spesso è successo durante la Rivoluzione culturale cinese. Il fatto stesso che alcune persone abbiano votato per Trump e la Brexit, fa venire i brividi lungo la schiena di un progressista. Anche se fosse rimasto un solo deplorevole, significherebbe che un “ritorno all'antica egemonia” è solo ad un passo.
 
La maggior parte dei fanatici risvegliati non parla apertamente in termini di creazione di una nuova egemonia poiché questa ha ancora connotazioni negative. Tuttavia, questa situazione sta cambiando, poiché sempre più progressisti vedono la libertà di parola stessa come un “concetto di oppressore” arretrato come il “buon senso”. Al momento della scrittura, il metodo preferito dei commissari risvegliati è il doppio linguaggio eufemistico passivo-aggressivo. Così, nelle parole di Dreher ancora: “Diversità e inclusione significa escludere coloro che si oppongono all'uniformità ideologica”. Allo stesso modo, il nuovo codice morale egemonico (se tale può essere chiamato), promuove come un crimine tutto ciò che limita la “libertà” individuale. L'idea dell'umanità che lotta contro i nostri peccati, passioni e inclinazioni malvagie per aderire a leggi morali esterne è completamente un anatema per la nuova ideologia. Chiunque lo promuova è considerato “non gentile” e quindi la divisione tra il “bello” e il “non gentile” diventa una guerra per escludere del tutto gli “ex” dalla vita pubblica. Il “non bello” ispira paura e incomprensione nelle menti dei progressisti. Lo so perché sono stato io stesso per la maggior parte della mia vita adulta un sostenitore di questa mostruosa assurdità. Questo è il motivo per cui la mente liberale semplicemente “non può calcolare” come qualcuno possa tenere un diverso insieme di convinzioni alle proprie. Il pesce non sa cosa sia l'acqua. Non si preoccupano dell'autocensura in cui ci impegniamo ogni giorno perché non li riguarda.
 
Forse anche parte del problema risiede nel fatto che la morale odierna (se tale si può chiamare) è, anche adesso, ancora molto di origine cristiana. È vero, è una morale che promuove soprattutto la libertà individuale, ma è anche una morale molto diversa da quella che si sarebbe sviluppata dalla Roma pagana, o dalla civiltà azteca, per esempio. Nonostante l'aborto, l'omicidio è ancora la conditio sine qua non del sistema giudiziario. Questo perché, a parte poche eccezioni, come la guerra, non possiamo decidere quando vivere e morire. Alcune persone muoiono prima della nascita, mentre altre muoiono a 100 anni. Per i cristiani questo fa parte del grande mistero della creazione di Dio. L'omicidio è un residuo della moralità cristiana che rimane, ma la lotta individuale contro il peccato, per esempio, è stata in gran parte abbandonata in quanto limita la libertà individuale. Questa distorsione del sistema morale cristiano promuove una sorta di isteria in cui (nelle famose parole di Chesterton) “tutte le virtù cristiane sono impazzite”. Ne consegue che l'unica cosa che si può fare con i deplorevoli che sostengono il peccato e il pentimento significa escluderli completamente dalla sfera pubblica, affinché le loro voci non causino il malfunzionamento del cervello dei progressisti. Recentemente questa convinzione mi è stata evidenziata da un amico a cui è stato detto che “beh, i cristiani dovranno semplicemente non lavorare nella sfera pubblica, qual è il problema con questo?”. 
 
In modo agghiacciante, la persona che ha fatto l'osservazione, non ha visto alcun problema.
 
Per ora, questa politica di esclusione consente l'esistenza dei tradizionalisti nella misura in cui rimangono fossili pittoreschi che rimangono nei loro musei. Anche se è difficile vivere in un ghetto completo, almeno per quanto riguarda i bambini. Personalmente, ho un grosso problema con questo metodo di affrontare la crisi attuale. Come cristiani, siamo chiamati a “vivere nel mondo, ma non del mondo”. Inoltre, la cosiddetta “opzione Benedetto” (accovacciarsi nel ghetto per aspettare tempi migliori - o la fine dei tempi), è esattamente quello che vogliono (guai a chiunque di noi sfidi l'egemonia!). I fautori dell'opzione Benedetto partono da una premessa sbagliata. Presumono che le guerre culturali riguardino la vittoria e la sconfitta. Non è così. Dreher ha ragione a sottolineare che abbiamo perso le guerre culturali e che i cristiani tradizionali sottovalutano l'odio viscerale che i progressisti hanno verso di loro. Ma alcune dottrine della nuova religione (ad esempio, i cosiddetti “diritti riproduttivi”) sono così sbagliate che non possiamo fare a meno di affrontarle, senza che noi stessi diventiamo complici. 
 
Anche se fossi l'ultima persona sulla terra a credere che uccidere il nascituro sia sbagliato, dovrei comunque dirlo.
 
Cosa possiamo fare allora? La prima cosa dovrebbe essere un principio fondamentale di tutti i cristiani e i deplorevoli di tutti i colori. Sebbene non adottiamo l'opzione Benedetto, dovremmo rinunciare completamente ai media mainstream. Prendiamo come esempio la BBC. La BBC è probabilmente la macchina di propaganda più sofisticata e insidiosa che il mondo abbia mai conosciuto. Lo dico in tutta serietà. La BBC è un'organizzazione il cui vero scopo è l'egemonia del marxismo culturale di Gramsci in tutti gli aspetti della vita. Non urlano dalle onde radio come faceva Mussolini, invece tutto è fatto con un sopracciglio alzato, un ghigno o “uno studio scientifico”. La BBC è probabilmente più ossessionata dalle tematiche LGBT di qualsiasi altra organizzazione al mondo. Il suo odio per Trump è così viscerale che scommetterei che non c'è nell'intera organizzazione una sola persona che sia anche vagamente neutrale su Trump. Un esempio interessante per me è stato quando recentemente ho sentito un giornalista dire qualcosa del tipo: “Trump ha chiesto ai suoi sostenitori di pregare Dio...” con l'inflessione sollevata sull'ultima parola per denotare il ridicolo e l'assurdo. È un piccolo esempio, ma tali discorsi scandiscono quasi ogni singola frase di ogni giornalista della BBC. La BBC è solo un esempio, tutte le altre sono uguali, la BBC è solo la più sofisticata. Se abbiamo a che fare con l'MSM, la prima cosa è assumere intenti dannosi.
 
Non credere a nulla di ciò che senti senza esaminarlo in dettaglio altrove. Il vero scopo dichiarato di queste organizzazioni è distruggerci e dovrebbero essere trattati allo stesso modo in cui i cristiani clandestini in Cina trattano i media statali lì.
 
Concludiamo con una parola di ottimismo. Tolkien ha detto che, in questo mondo, lui sarebbe stato molto spesso dalla parte dei perdenti, ma che si deve continuare a combattere. È importante provare empatia per i progressisti senza radici che vogliono distruggere il nostro mondo. Anche i capi di Google e simili. Io per primo preferirei essere un nessuno impoverito che essere una di queste persone. Mi sento così fortunato e ringrazio Dio ogni giorno per questo. Oggi in Occidente non siamo fatti a pezzi nell'anfiteatro, ma le linee rosse potrebbero improvvisamente spuntare ovunque quando meno ce lo aspettiamo. Potremmo essere alla macchinetta del caffè al lavoro quando qualcuno chiede: “perché non sei venuto alla marcia LGBT ieri?”. In molte parti del mondo i cristiani vengono ancora bruciati vivi, annegati e mutilati. In Occidente ci stiamo muovendo verso un diverso tipo di martirio, meno lodato, ma altrettanto necessario. Come disse san Teofano il Recluso: “negli ultimi giorni, il martirio non sarà del corpo, ma della mente”. Poiché tutti i pastori diventano lupi e o seguono la corrente, o corrono verso le colline, dovremmo ricordare che ognuno di noi è chiamato alla grandezza. Come dice il proverbio: “Più buia è la notte, più luminose sono le stelle”.
 
 
***************************
Articolo originale di Robert Eastern :
Traduzione di Costantino Ceoldo