Il concetto di guerra ibrida: origini, applicazione, contrasto

24.11.2021

Negli ultimi anni, il quadro concettuale nel campo dei conflitti moderni ha subito cambiamenti significativi. Stanno emergendo nuovi concetti e dottrine. Tuttavia, alcuni di essi vengono trasformati in un modo piuttosto unico. In particolare, questo vale per concetti come “guerra ibrida”.

Questo termine in Russia può essere spesso ascoltato da uno schermo televisivo o visto su giornali o pubblicazioni scientifiche. Di norma, suona come “gli Stati Uniti o la NATO stanno conducendo una guerra ibrida contro la Russia”. Tuttavia, negli Stati Uniti, nei Paesi della NATO e nei loro clienti, inclusa l'Ucraina, viene detto che “la Russia sta conducendo una guerra ibrida” e quindi è necessario contrastare le crescenti “minacce ibride”.

È ovvio che stiamo parlando di una forma specifica di azioni indirette che rappresentano una minaccia sia per noi che per l'altra parte e l'espressione “guerra ibrida” è diventata un meme conveniente per esprimere questa realtà. Ma se, nell'era della guerra fredda di un mondo bipolare, la deterrenza nucleare era uno sforzo simmetrico tra le due parti, è possibile equiparare l'attuale contrapposizione?

Ovviamente no. Perché da un lato c'è uno Stato con limitate opportunità nell'arena internazionale, cioè la Russia, e dall'altro un grande gruppo di Paesi e un'alleanza politico-militare. Allo stesso tempo, un certo numero di poteri di questo gruppo sono piuttosto sofisticati in tutti i tipi di operazioni sovversive della più ampia gamma, definite come guerra politica, operazioni di controinsurrezione, operazioni speciali, ecc.

È anche chiaro che recentemente la menzione di “guerra ibrida” è stata utilizzata da questi Paesi come una sorta di strategia ombrello che ha un carattere politico globale. Ciò è diventato particolarmente evidente dopo che i rappresentanti dei Paesi della NATO e dei loro partner hanno iniziato ad accusare la Russia dopo il 2014 di “aggressione” e “azioni dannose”, quasi sempre senza alcuna prova.

Assistiamo così ad una chiara militarizzazione dei processi politici e della diplomazia, che danneggia gravemente le relazioni internazionali e, direttamente, le relazioni bilaterali tra Paesi, dove alcuni Stati sono volutamente etichettati come soggetti di guerra ibrida, contro la quale devono essere adottate alcune misure preventive, adottate per proteggere e respingere eventuali azioni provocatorie.

Per non cadere nella trappola logica e pensare secondo i cliché occidentali, è necessario chiarire il concetto di guerra ibrida e tracciarne l'evoluzione.

È noto che questo termine è stato utilizzato e sviluppato per la prima volta dagli ufficiali del Corpo dei Marines delle forze armate statunitensi.

Robert Walker ha definito la guerra ibrida come segue: “…che si trova negli interstizi tra la guerra speciale e quella convenzionale. Questo tipo di guerra possiede caratteristiche sia del regno speciale che di quello convenzionale e richiede un'estrema flessibilità per passare operativamente e tatticamente tra le arene speciali e quelle convenzionali [1].”

Il colonnello della marina statunitense Bill Nemeth, nel suo articolo del 2002, usa questo concetto per analizzare il conflitto ceceno in Russia [2].

Successivamente, il concetto di guerra ibrida è stato proposto in un articolo congiunto di James Mattis e Frank Hoffman, pubblicato nel novembre 2005 [3]. Entrambi gli autori erano ufficiali professionisti del Corpo dei Marines e James Mattis in seguito è stato Segretario alla Difesa degli Stati Uniti. Era un breve testo di più pagine incentrato sull'esperienza di combattimento in Afghanistan e Iraq, che le forze americane avevano invaso solo pochi anni prima.

La narrazione principale trattava di metodi irregolari: terrorismo, insurrezione, guerra senza restrizioni, guerriglia o coercizione da parte di gruppi criminali di droga che sfruttavano il controllo perso di uno Stato fallito. Gli autori riferiscono che questi metodi stanno diventando sempre più sofisticati e su larga scala e nel prossimo futuro sfideranno gli interessi di sicurezza degli Stati Uniti in tutto il mondo

Più tardi, Frank Hoffman ha sviluppato questo concetto nel suo saggio “Conflict in the 21st Century: The Rise of Hybrid Wars”, pubblicato nel 2007 [4]. L'idea principale dell'autore era che invece di separare gli avversari con approcci fondamentalmente diversi (convenzionali, irregolare o terrorista), ci sono alcuni oppositori che utilizzeranno tutte le forme di guerra e tattiche, possibilmente contemporaneamente.

Nei documenti ufficiali e nelle strategie delle forze armate statunitensi utilizzate in questo lavoro, viene menzionato il termine "ibrido", nonché una combinazione di tattiche tradizionali e non tradizionali insieme a tecnologie semplici e complesse.

Frank Hoffman ha sostenuto che le minacce ibride includono l'intera gamma di diverse modalità di guerra, inclusi mezzi convenzionali, tattiche e formazioni irregolari, atti terroristici, tra cui violenza e coercizione indiscriminate e disordini criminali. Le guerre ibride possono essere combattute sia dagli Stati che da vari attori non statali.

Due anni dopo, in un articolo intitolato “Hybrid Warfare and Challenges”, Hoffman ha osservato che “il conflitto futuro sarà multimodale o multivariabile, piuttosto che una semplice caratterizzazione in bianco e nero di una singola forma di guerra.” [5]

Egli Afferma una “guerra ibrida” in cui è probabile che il nemico presenti minacce combinate o ibride uniche mirate specificamente alle vulnerabilità degli Stati Uniti. Le minacce ibride includono una gamma completa di modalità di guerra, inclusi mezzi convenzionali, tattiche e formazioni irregolari, atti terroristici che consistono in violenza indiscriminata e coercizione e rivolte criminali.

Queste attività multimodali possono essere svolte da subunità separate o anche dalla stessa subunità, ma di solito sono dirette e coordinate operativamente e tatticamente all'interno dello spazio di battaglia principale per ottenere un effetto sinergico nelle dimensioni fisiche e psicologiche del conflitto. L'effetto può essere ottenuto a tutti i livelli della guerra.

La cosa più importante - l'ultima parola in questa frase - è “guerra”. Pertanto, la rilevazione precoce delle minacce ibride è correlata allo spazio di combattimento, nonché ai metodi e ai mezzi militari.

Il Joint Forces Command degli Stati Uniti ha adottato il concetto di minacce ibride nel 2009 e ha sottolineato che includono qualsiasi nemico che utilizzi simultaneamente e in modo adattivo una combinazione appositamente selezionata di mezzi o azioni convenzionali, irregolari, terroristici e criminali nello spazio di combattimento operativo. Invece di una singola entità, una minaccia o un avversario ibrido possono consistere in una combinazione di attori statali e non statali [6].

Più tardi, nel 2014, dopo che la Crimea è stata restituita alla Russia, Hoffman ha scritto che [le minacce ibride includono] “qualsiasi nemico che utilizzi simultaneamente una combinazione appositamente progettata di armi convenzionali, tattiche irregolari, terrorismo e comportamento criminale allo stesso tempo e nello stesso spazio di combattimento per raggiungere il suo obiettivi” ed ha osservato che le minacce ibride sono un progetto sviluppato dal Corpo dei Marines un decennio fa [7].

Altri geostrateghi moderni, come Colin Gray, Max Booth e John McQueen, sottoscrivono la formulazione di Hoffman che in futuro il conflitto sarà più diversificato o multivariato da un tipo standard di guerra in bianco e nero [8].

Nel 2015, l'esercito degli Stati Uniti ha pubblicato linee guida per l'organizzazione di una struttura forte per contrastare le minacce ibride. Questo documento appartiene alla categoria delle carte di campo [9].

Esso fornisce una chiara definizione delle minacce ibride e di come affrontarle. Menziona anche l'aggressione della Russia e della Georgia nel 2008, dove viene data un'interpretazione specifica degli eventi. Si dice che “una minaccia ibrida è una combinazione diversificata e dinamica di forze regolari, forze irregolari e/o elementi criminali combinati per ottenere risultati reciprocamente vantaggiosi.

Le minacce ibride sono innovative, adattive, connesse a livello globale, in rete e integrate nel disordine delle popolazioni locali. Possono disporre di un'ampia gamma di tecnologie vecchie, adattate e avanzate, inclusa la capacità di creare armi di distruzione di massa.

Possono operare in modo convenzionale e non convenzionale, utilizzando combinazioni adattative e asimmetriche di tattiche tradizionali, irregolari e criminali e sfruttando le capacità militari tradizionali in modi vecchi e nuovi.

Le minacce ibride cercano di saturare l'intero ambiente operativo con effetti che supportano il loro corso d'azione e costringono i loro avversari a rispondere in più aree di attività. Un semplice attacco militare potrebbe non essere abbastanza sofisticato da assottigliare le risorse, ridurre l'intelligence e limitare la libertà di manovra.

Invece, le minacce ibride possono creare contemporaneamente instabilità economica, contribuire ad una mancanza di fiducia nella governance esistente, attaccare le reti di informazione, fornire messaggi affascinanti che corrispondono ai loro obiettivi, causare crisi umanitarie provocate dall'uomo e minacciare fisicamente gli avversari. Azioni sincronizzate e sinergiche di minacce ibride possono avvenire in campo informativo, sociale, politico, infrastrutturale, economico e militare.”

Un altro documento della dottrina TRADOC G-2 definisce la guerra ibrida come “l'uso di mezzi politici, sociali, criminali e altri mezzi non cinetici usati per superare i vincoli militari.” [10]

Nel documento “Joint Operating Environment 2035. The Joint Force in a Contested and Disordered World”, pubblicato nel 2016, viene usato il concetto di “stratagemmi ibridi statali”.

Vi si dice che “un certo numero di Stati revisionisti impiegherà una serie di attività coercitive per promuovere i propri interessi nazionali attraverso combinazioni di approcci diretti e indiretti progettati per rallentare, indirizzare male e smussare le risposte di successo da parte degli Stati presi di mira. Questi stratagemmi ibridi saranno progettati per diffondere confusione e caos, evitando contemporaneamente l'attribuzione e la potenziale punizione” [11].

Inoltre “un mix ibrido di deterrenza convenzionale e guerra per procura sfiderà la capacità di una Forza Congiunta di intervenire con successo a sostegno di alleati e partner presi di mira dalle vicine potenze revisioniste. Gli attributi fondamentali degli stratagemmi ibridi statali saranno "caratterizzati dalla convergenza" [di aspetti] fisici e psicologici, cinetici e non cinetici, combattenti e non combattenti…" e una fusione operativa di approcci convenzionali ed irregolari. È probabile che la Russia continuerà ad usare la minaccia del potere militare per proteggere gli interessi regionali e promuovere la percezione di essere ancora una grande potenza. L'Iran continuerà a sviluppare e far leva su delegati e partner regionali. Nel frattempo, la Cina potrebbe sviluppare uno paradigma marittimo più dinamico e adattivo nel tentativo di imporre esiti irreversibili per le controversie insulari nel Mar Cinese Orientale e Meridionale.”

Vediamo quindi la globalizzazione della guerra ibrida, i cui attributi vengono automaticamente assegnati a quegli Stati che sono definiti come minacce nei documenti strategici statunitensi. Ma la Russia è particolarmente presente nei documenti analitici e nella retorica politica dei rappresentanti dei Paesi della NATO.

Una monografia pubblicata da RAND Corporation nel 2017 sul tema della guerra ibrida nella regione baltica si è concentrata sulle azioni attuali e possibili della Russia. Vi si sottolinea che:

Il termine guerra ibrida non ha una definizione coerente <...> sono meglio descritti come attività segrete o negabili, supportate da forze convenzionali o nucleari, per influenzare la politica interna dei Paesi bersaglio. Si suddivide la potenziale aggressione russa nei Paesi baltici in tre categorie distinte di scenari: sovversione nonviolenta, azioni violente nascoste e guerra convenzionale supportata dalla sovversione politica.

Dati i miglioramenti nel tenore di vita e la crescente integrazione di molti russofoni nei Paesi baltici, la Russia avrà probabilmente difficoltà a usare tattiche non violente per destabilizzare questi Paesi. È improbabile che anche l'azione violenta segreta russa abbia successo da sola, visti i preparativi delle forze di sicurezza di Estonia e Lettonia...

La principale vulnerabilità dei Paesi baltici risiede quindi nella superiorità convenzionale locale della Russia. Un'incursione russa convenzionale su larga scala nei Paesi baltici, legittimata e sostenuta dalla sovversione politica, travolgerebbe rapidamente le forze della NATO attualmente dislocate nella regione” [12].

Cioè, gli autori occidentali stanno cercando di far passare l'etichettatura della Russia come una cosa ovvia. C'è anche un tentativo nei circoli militari e politici occidentali di valutare la guerra ibrida in termini geopolitici, spesso con riferimento ad altri concetti.

Amos Fox osserva che “la guerra ibrida ha un piede nel passato, con la sua capacità di condurre una guerra convenzionale ed ha un piede nel futuro. Il modo ibrido della guerra è un approccio alla guerra dell'intero governo che cerca di integrare tutti gli strumenti del potere nazionale attraverso campagne in cui la distanza tra i livelli strategico e tattico della guerra si condensa al punto che il livello operativo della guerra è sottilissimo” [13].

Tuttavia, nel 2017, il termine “guerra ibrida” non era ancora del tutto stabilito, così come l'attribuzione alla Russia dell'uso di metodi di guerra ibridi. A questo proposito, è indicativa la discussione nel sottocomitato per le minacce e le capacità emergenti della Commissione per i servizi armati della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti. Il 15 marzo 2017, il membro del Congresso Trent Franks, dell'Arizona, ha posto una domanda:

Per combattere la guerra ibrida russa, dobbiamo semplicemente parcheggiare le squadre di combattimento delle brigate corazzate nell'Europa orientale senza migliorare le nostre capacità informatiche o rafforzare le nostre risorse spaziali, al fine di dissuadere la Russia, o dobbiamo fare uno sforzo speculare per essere in grado di affrontarli e contrastarli in ogni fase della loro guerra ibrida?”

Thomas Timothy, un analista senior dell'Ufficio per gli studi militari stranieri del Dipartimento della Difesa, ha risposto: “Deputato, prima di tutto, questa è solo la mia opinione personale. Non credo che la Russia faccia una guerra ibrida. So che molte persone pensano che la stia facendo.” [14]

Timothy ha continuato spiegando che la Russia stava costruendo la sua forza militare perché sentiva una minaccia esistenziale da parte degli Stati Uniti e della NATO, la stessa che probabilmente gli Stati baltici hanno sentito dalla Russia quando hanno visto una riorganizzazione militare vicino ai loro confini.

Consideriamo questa valutazione abbastanza adeguata, ma, purtroppo, tali conclusioni non sono comuni a tutti gli esperti militari e politici che prendono decisioni negli Stati Uniti.

Tuttavia, poi, assistiamo a una rivalutazione del concetto e della sua applicazione a livello di relazioni internazionali. E la Russia sta cominciando sempre più ad apparire come un soggetto permanente di guerra ibrida.

Nel febbraio 2018, il senatore Reid, parlando al Congresso degli Stati Uniti, ha affermato che “l'uso dell'influenza finanziaria malevola da parte del Cremlino è delicato e fa parte di un'operazione più ampia e coordinata di aggressione ibrida da parte del Cremlino che utilizza una vasta gamma di strumenti militari e non militari a sua disposizione.

La Russia riconosce che le sue capacità militari sono attualmente limitate rispetto a quelle degli Stati Uniti e della NATO e cercherà di evitare un conflitto militare diretto con l'Occidente. Invece, la Russia sta usando tattiche che sfruttano i suoi punti di forza e prendono di mira le nostre vulnerabilità sistematiche.” [15]

La NATO ha anche prestato particolare attenzione alle minacce ibride. Il concetto Capstone, risalente al 2010, è stato utilizzato dalla NATO nel suo esperimento “Countering the Hybrid Threat”. Questo documento definisce le minacce ibride come minacce che “provengono da avversari che sono in grado di utilizzare contemporaneamente in modo adattivo mezzi convenzionali e non tradizionali per raggiungere i propri obiettivi.” [16]

La NATO ha iniziato ufficialmente a utilizzare la definizione di “guerra ibrida” in relazione alla Russia dopo il colpo di Stato in Ucraina nel 2014. L'articolo di revisione della NATO afferma che “i conflitti ibridi comportano sforzi a più livelli progettati per destabilizzare uno Stato funzionante e polarizzare la sua società.” [17]

Una pubblicazione dell'Assemblea parlamentare della NATO del 2015 ha definito le minacce ibride come “l'uso di tattiche asimmetriche per identificare e sfruttare le debolezze interne con mezzi non militari, supportati dalla minaccia di utilizzare mezzi militari convenzionali.” [18]

Nel dicembre 2015, la NATO ha adottato una strategia di guerra ibrida che ha definito come avrebbero affrontato le minacce ibride. Nell'aprile 2017, diversi membri europei degli alleati della NATO hanno ufficialmente concordato di istituire a Helsinki un Centro europeo di eccellenza per contrastare le minacce ibride.

Patrick Cullen, in un articolo pubblicato da questo centro, ha osservato che “le minacce ibride sono progettate per offuscare la distinzione tra pace e guerra, oltre a complicare e scendere al di sotto delle soglie di rilevamento e risposta del bersaglio. I malvagi problemi creati dalle minacce ibride richiedono nuove soluzioni per l'allerta precoce.” [19]

Il Centro di eccellenza per contrastare le minacce ibride, con sede a Helsinki, descrive una minaccia ibrida come “coordinata e sincronizzata e mirata deliberatamente alle vulnerabilità degli Stati democratici e delle istituzioni. Le attività possono svolgersi, ad esempio, in ambito politico, economico, militare, civile o informativo domini.

Sono condotti utilizzando un'ampia gamma di mezzi e progettati per rimanere al di sotto della soglia di rilevamento e attribuzione. <...> l'obiettivo è minare o danneggiare un obiettivo influenzando il suo processo decisionale a livello locale, regionale, statale o istituzionale <...> L'uso di diversi intermediari – o attori delegati – supporta il raggiungimento di questi obiettivi.” [20]

All'inizio del 2017 è stata istituita nella NATO una nuova “Divisione Congiunta di Intelligence e Sicurezza” (JISD). La pubblicazione della NATO ha osservato che questa è stata “la riforma più significativa nella storia dell'intelligence alleata. In risposta al difficile ambiente di minaccia rappresentato da una Russia assertiva e all'aumento del terrorismo e dell'instabilità nel sud, gli alleati stanno fondamentalmente adattando il modo in cui la NATO organizza e analizza l'intelligence” [21]. La nuova struttura comprende 270 persone provenienti da vari Paesi della Nato.

Nel luglio 2017, JISD ha creato una nuova divisione per l'analisi ibrida. Il suo mandato è analizzare l'intera gamma di azioni ibride basate su fonti militari e civili, classificate e aperte. La NATO ha cercato di sviluppare un approccio olistico, inclusa la sicurezza informatica.

I rappresentanti della nuova struttura hanno osservato che, “modellata sulle squadre consultive già esistenti per la resilienza o la protezione delle infrastrutture critiche, una squadra di supporto contro ibridi (CHST) potrebbe essere schierata con breve preavviso a un alleato che richiede il supporto della NATO, sia in una crisi che per assistere nella costruzione di capacità nazionali di contrasto all'ibrido. Tali squadre sono composte da esperti civili tratti da un gruppo di esperti della NATO e da specialisti nominati dagli Alleati” [22].

A novembre 2019, il primo CHST è stato schierato in Montenegro. Su richiesta, i gruppi consultivi militari possono essere inclusi nel CHST, offrendo così ampie consultazioni tra civili e militari. Questi passi dimostrano che la NATO sta sviluppando opzioni per una risposta al di sotto della soglia dell'Articolo 5 (Difesa Collettiva) del Trattato di Washington.

Ancora oggi, il tema delle minacce ibride è uno dei temi principali nell'agenda della NATO. Ad esempio, tra le sei domande chiave preparate per il vertice NATO del giugno 2021, due di esse riguardavano il tema delle minacce ibride:

Dissuadere l'aggressione russa in Europa, compreso l'uso da parte della Russia di tattiche di guerra cibernetica e ibrida; migliorare la resilienza degli Stati membri nel rispondere alle minacce e alle crisi di sicurezza non militari, comprese le minacce ibride e informatiche, le pandemie e i cambiamenti climatici” [23].

È possibile dire che al momento c'è una forte convinzione in Occidente che la Russia stia cercando in ogni modo possibile di danneggiare la comunità euro-atlantica nel suo insieme e separatamente, così è necessario contrastarla in vari ambiti e situazioni.

Tali azioni, quando gli specialisti civili e militari dei Paesi della NATO progettano fantasmi immaginari e creano per loro una sorta di misure di impatto, hanno un chiaro segno di paranoia politica, come quella che c'era negli Stati Uniti negli anni '50 e '80 sulla diffusione di comunismo. L'opposizione dichiarata non è altro che una copertura per manipolare l'opinione pubblica e la propria attività aggressiva, che spesso viola le norme del diritto internazionale.

La parola “ibrido” viene utilizzata per qualsiasi attività in Russia o nelle campagne russe. Ad esempio, l'interazione di Rosatom con i partner stranieri non è altro che un'”attività ibrida” [24]. Se ci sono problemi nella politica interna della Georgia, allora “la Russia sta approfittando di questa politica estera e di sicurezza sporadica e non guidata per condurre una guerra ibrida e aumentare la sua influenza in Georgia” [25].

Anche la lunga provocazione della leadership estone con lo smantellamento del monumento dedicato al Milite Ignoto a Tallinn è già presentata dagli autori occidentali come un metodo di conflitti ibridi sostenuto dalla Russia [26].

Ma il problema è che qualsiasi azione della Russia, che si tratti di rafforzare la sua capacità di difesa, adottare alcune leggi interne o sostenere i connazionali all'estero e l'attività economica internazionale, sarà percepita e dichiarata come minacce ibride o attività corrispondente.

La crisi di fiducia dell'opinione pubblica nella propria élite di governo incoraggia anche l'Occidente a usare lo spauracchio delle guerre ibride per spostare l'attenzione da numerosi problemi interni a un nemico esterno designato ed escludere qualsiasi scenario alternativo di sviluppo economico e politico nella sua società.

Come dovrebbe agire la Russia in questo caso? Dovremmo usare gli stessi strumenti degli Stati Uniti e della NATO contro la Russia, classificando numerose provocazioni e tentativi di pressione come segni di guerra ibrida?

Naturalmente, la posizione ufficiale della Russia non è di accordo con i tentativi di etichettarci come attori di una guerra ibrida sotto qualsiasi pretesto. Qui possiamo ricordare l'apparizione in Occidente della cosiddetta “dottrina Gerasimov”, sebbene di fatto [tale dottrina] non esista. Questo concetto è stato deliberatamente coniato dagli esperti della NATO sulla base di un'analisi delle pubblicazioni del capo di stato maggiore delle forze armate russe per spaventare i loro concittadini e avere una ragione per un'ulteriore attuazione dei loro piani. È lo stesso con la guerra ibrida.

Ci sono molte minacce complesse nel mondo che possono essere chiamate ibride e di cui soffrono lo Stato e la società russa. Ma nonostante le proposte della leadership russa di combattere insieme queste minacce, i Paesi della NATO preferiscono creare i propri miti e agire nello spirito della guerra fredda.

Per quanto riguarda le possibili risposte a queste provocazioni, prima di tutto, dobbiamo capire che qualsiasi misura severa provocherà una reazione adeguata e fornirà all'Occidente giustificazioni per ulteriori accuse. Per lo meno, questo causerà una spirale di escalation.

Per evitare confusione, è anche auspicabile introdurre una diversa classificazione dei metodi occidentali, ad esempio la guerra con altri mezzi. Inoltre, gli stessi politici ed esperti occidentali hanno usato a lungo questo termine in relazione alla propria strategia geopolitica [27].

In secondo luogo, è necessario cercare di entrare nella mente del nemico per comprendere il corso dei suoi pensieri, trovarvi debolezze e contraddizioni e, dopo averle analizzate attentamente, presentarle al grande pubblico all'estero. In terzo luogo, continuare a rafforzare la propria sovranità ed efficacia politica mostrando a partner e alleati (oltre ai Paesi neutrali) i vantaggi della cooperazione con la Russia.

In quarto luogo, gli sforzi congiunti attraverso CSTO, SCO e EAEU dovrebbero tenere conto delle realtà del confronto con l'Occidente non solo in termini di confronto militare e politico, ma anche la portata più ampia dei processi geopolitici, dalle attività commerciali ed economiche alle attività di ricerca scientifica e il livello delle narrazioni. È auspicabile creare e supportare centri analitici e indipendenti appropriati che si occupino di questo problema, scambiano esperienze e monitorino costantemente le attività degli oppositori occidentali.

In quinto luogo, non permettersi in alcun modo la debolezza e fare compromessi con l'Occidente su questioni di principio, compresi i valori e gli interessi nazionali. Questa posizione si riflette sia negli attuali documenti strategici della Russia che nell'ultimo messaggio del presidente Vladimir Putin.

__

[1] Walker, Robert G. “Spec Fi: The United States Marines Corps and Special Operations”, Tesi per il Master, Monterey, CA, Naval Post Graduate School, dicembre 1998, pagg.4-5.

[2] Nemeth, W. “Future war and Chechnya: a case for hybrid warfare”, Naval Postgraduate School, Monterey, Tesi per il Master, 2002.

[3] Mattis, James N., Hoffman, Frank. “Future Warfare: The Rise of Hybrid Wars” // Proceedings Magazine, novembre 2005 Vol. 132/11/1, pag. 233.

[4] Hoffman, Frank G. “Conflict in the 21st century: The rise of hybrid wars”. Arlington, VA: Potomac Institute for Policy Studies, 2007.

[5] Hoffman, Frank G. “Hybrid Warfare and Challenges” // JFQ, numero 52, 1° trimestre 2009, pag. 35.

[6] Russell W. Glenn, “Evolution and Conflict: Summary of the 2008 Israel Defence Forces-U.S. Joint Forces Command "Hybrid Threat Seminar War Game"”, Santa Monica, CA: RAND, 2009.

[7] Hoffman, Frank. “On Not-So-New Warfare: Political Warfare vs. Hybrid Threats” // War on the Rocks, 28 luglio 2014.

[8] Savin L.V. “Network threats to national and international security: strategy, tactics, hybrid actors and technologies” // Economic Strategies n. 2, 2014.

http://www.inesnet.ru/article/setevye-ugrozy-nacionalnoj-i-mezhdunarodnoj-bezopasnosti- strategiya-taktika-gibridnye-aktory-i-texnologii/

[9] “Hybrid Threat Force Structure Organisation Guide”. FM 7-100.4. Sede Dipartimento dell'Esercito Washington, DC, 4 giugno 2015.

[10] TRADOC G-2, “Threat Tactics Report Compendium: ISIL, North Korea, Russia, and China” (Fort Leavenworth, KS: TRADOC G-2 ACE Threat Integration, 2015), pag. 94.

[11] “Joint Operating Environment 2035. The Joint Force in a Contested and Disordered World”. 14 luglio 2016, pag. 6. https://fas.org/man/eprint/joe2035.pdf

[12] Andrew Radin, “Hybrid Warfare in the Baltics. Threats and Potential Response”, RAND Corporation, Santa Monica, 2017.

[13] Amos C. Fox, “Hybrid Warfare: The 21st Century Russian Way of Warfare”, School of Advanced Military Studies, United States Army Command e General Staff College. Fort Leavenworth, Kansas. 2017, pag. 5.

[14] “Crafting an Information Warfare and Counter-Propaganda Strategy for the Emerging Security Environment.” Udienza davanti al Sottocomitato per le minacce emergenti e le capacità del Comitato per le forze armate Camera dei rappresentanti Centoquindicesimo Congresso, Prima sessione, 15 marzo 2017, pag. 20.

https://fas.org/irp/congress/2017_hr/counter-prop.pdf

[15] Congressional Record Volume 164, Number 36 (mercoledì 28 febbraio 2018)

https://fas.org/irp/congress/2018_cr/022818-reed.html

[16] NATO – Quartier generale del comandante supremo alleato per la trasformazione, “Military Contribution to Countering Hybrid Threats Capstone Concept”.

[17] Pindjak, Peter, “Deterring Hybrid Warfare: A Chance for NATO and the EU to Work Together?” // Rivista della NATO, 2014.

[18] Comitato per la difesa e la sicurezza dell'Assemblea parlamentare della NATO, “Hybrid Warfare: NATO's NewStrategic Challenge?”. Bozza di relazione, 7 aprile 2015, pag.3.

[19] Cullen, Patrick, “Hybrid threats as a new ‘wicked problem’ for early warning”, Strategic Analys, maggio 2018.

https://www.hybridcoe.fi/wp-content/uploads/2018/06/Strategic-Analysis-2018-5-Cullen.pdf

[20] https://www.hybridcoe.fi/hybrid-threats/

[21] Arndt Freytag von Loringhoven, “Adapting NATO intelligence in support of "One NATO", 08 settembre 2017.

https://www.nato.int/docu/review/articles/2017/09/08/adapting-nato-intelligence-in-support-of-one-nato/index.html

[22] Michael Ruhle, Clare Roberts, “Enlarging NATO’s toolbox to counter hybrid threats”, 19 marzo 2021.

https://www.nato.int/docu/review/articles/2021/03/19/enlarging-natos-toolbox-to-counter-hybrid-threats/index.html

[23] NATO: Questioni chiave per il 117esimo Congresso. Servizio di ricerca del Congresso. 3 marzo 2021.

[24] “Hybrid Atoms: Rosatom in Europe and Nuclear Energy in Belarus”, 11 marzo 2021.

https://icds.ee/en/hybrid-atoms-rosatom-in-europe-and-nuclear-energy-in-belarus/

[25] Shota Gvineria, “Russia Wages Hybrid Warfare and Increases Its Influence in Polarised Georgia”, 22 febbraio 2021.

https://icds.ee/en/russia-wages-hybrid-warfare-and-increases-its-influence-in-polarised-georgia/

[26] Juurvee, Ivo e Mariita Mattiisen, “The Bronze Soldier Crisis of 2007: Revisiting an Early Case of Hybrid Conflict”, Tallinn: Centro internazionale per la difesa e la sicurezza, agosto 2020.

[27] Ad esempio, vedere Blackville R., Harris J, “War by other means. Geo-economics and the Art of state management”, Mosca: AST, 2017.

*****************************************************

Articolo originale di Leonid Savin:

https://www.geopolitica.ru/en/article/concept-hybrid-warfare-origins-application-counteraction

Trad. di Costantino Ceoldo