Il coronavirus e la guerra ibrida

20.03.2020
Inizialmente, funzionari iraniani e cinesi hanno dichiarato che il coronavirus [1] era un'arma biologica creata nei laboratori militari statunitensi. I media statunitensi hanno subito accusato coloro che stavano dietro le dichiarazioni di diffondere teorie della cospirazione, ma i fautori della teoria hanno iniziato a speculare ulteriormente: la fuga è stata casuale o ogni azione è stata deliberata?
 
Nel contesto di qualcosa come la guerra ibrida (da un lato un concetto abbastanza specifico di condurre operazioni militari e raggiungere obiettivi politici e, dall'altro, un termine importante che è stato usato come una sorta di riempitivo negli ultimi anni), il coronavirus è stato associato ad una strategia volta a minare la crescita economica sia della Cina che di altri Paesi. Perfino la pandemia negli Stati Uniti è stata interpretata dai teorici della cospirazione come un complotto del capitale transnazionale contro Donald Trump alla vigilia delle elezioni presidenziali.
 
Mettendo da parte tale speculazione, lo scoppio della pandemia può ancora essere considerato una guerra, ma il termine deve essere affrontato razionalmente. Le misure adottate per combattere la pandemia in Cina sembrano del tutto logiche e adeguate: la prima domanda che è stata posta non è di chi fosse la colpa, ma cosa si dovesse fare. Non è un caso che le accuse di coinvolgimento militare USA siano emerse solo dopo che la crisi era passata e che i tassi di incidenza e mortalità avevano iniziato a calare.
 
Poiché il sistema di monitoraggio dei cittadini nella Repubblica popolare cinese è ben sviluppato e la mentalità confuciana di obbedire alle autorità ha contribuito a identificare le persone infette e creare le giuste condizioni per l'isolamento, è stato possibile localizzare la diffusione in tempi relativamente brevi, il che è più di quello che si può dire per l'Iran e alcuni Paesi europei. Oltre alle diverse mentalità delle Nazioni, sono stati rivelati al mondo aspetti come la solidarietà e la volontà di aiutare (o la loro assenza). Tutti questi fattori sono cruciali durante le situazioni di crisi e conflitti militari. Quindi, c'è una buona ragione per cui i virus vengono confrontati con tali minacce e, in un contesto storico, la lotta contro varie epidemie e fenomeni simili sono stati figurativamente indicati come una guerra: la guerra contro la fame, la guerra contro l'alcolismo, ecc.
 
Poiché l'attuale crisi non è tipica, il confronto con una forma di guerra non convenzionale è completamente giustificato. A questo proposito, un curioso articolo intitolato dal titolo “L'uso dei meccanismi di sconfitta della guerra ibrida per combattere il coronavirus e contrastare le future armi biologiche. Un nuovo approccio” [2] è apparso sul sito Web di una pubblicazione statunitense che affronta conflitti specifici come piccole guerre, terrorismo e combattimenti urbani. L'autore dell'articolo è un ufficiale dell'esercito americano che ha prestato servizio sia in Afghanistan che in Iraq. Su una scala di minacce, colloca il coronavirus tra le milizie (a sinistra - il più vicino ai conflitti convenzionali) e la guerriglia (a destra - classificata come guerra non convenzionale). La differenza tra loro è che l'estrema sinistra dello spettro è caratterizzata da accurati dati di intelligence e conformità a tutte le regole di guerra, mentre sul lato destro (la destra più lontana è il terrorismo), la qualità dei dati è molto bassa e le regole di guerra non vengono rispettate, il che rende significativamente più difficile comprendere la situazione e compiere qualsiasi azione. Quando si tratta di malattie infettive e nel caso specifico di Covid-19, la sfida più grande è un sistema sanitario e una rete di trasporto ben funzionanti.
 
Se il virus stesso è considerato una minaccia ibrida, è necessario identificarne le caratteristiche per identificare i mezzi che verranno utilizzati per combattere tale minaccia. Poiché l'infezione viene trasportata e diffusa dalle persone, un'area di particolare attenzione è il movimento delle persone. Il problema, quindi, è il corretto isolamento e le misure di quarantena.
 
In campo militare, sconfiggere il nemico significa condurre determinati tipi di operazioni che possono essere combinate. Come regola generale, si tratta di logoramento (esaurimento), dislocazione e disintegrazione. Attrito significa posizionare le forze armate in posizioni più vantaggiose e in momenti più vantaggiosi per distruggere le forze nemiche più velocemente di quanto possano recuperare. Applicando questo alla realtà di una pandemia, significa misure per rispettare le condizioni di quarantena. E, prima di tutto, si riferisce ad un approccio responsabile, cioè all'autoisolamento intenzionale. Se l'autoisolamento sociale è solo una reazione, l'isolamento travolgente potrebbe essere una misura proattiva contro la diffusione di un'infezione virale.
 
La seconda operazione è la dislocazione, che cerca di cambiare rapidamente le condizioni in modo che il nemico non possa prendere l'iniziativa. Se il coronavirus è il nemico, deve essere isolato in piccoli gruppi, vale a dire chiudendo scuole, asili nido, università, musei, tutti i luoghi pubblici in generale e anche i confini, limitando le reti di trasporto. Parallelamente, dovrebbero essere effettuati test e dovrebbero essere istituiti ulteriori servizi di assistenza medica. Dovrebbero essere creati speciali spazi pubblici digitalizzati, per evitare la libertà di riunione in relazione a determinate misure.
 
La terza operazione è la disintegrazione. In guerra, ciò si riferisce agli effetti distruttivi del fuoco di massa sugli obiettivi. Per una pandemia, è la vaccinazione. Questo è in realtà il metodo più efficace ed è anche il più semplice da implementare. Ma cosa si dovrebbe fare se un vaccino ancora non esistesse? Quali misure sono state usate in guerra quando non c’erano abbastanza munizioni? È un problema complesso, ma allo stesso tempo dovrebbe essere risolto senza indugio. O devono essere usati altri mezzi in grado di sostituire la potenza di fuoco, oppure il numero richiesto di bombe e proiettili deve essere fabbricato (acquistato / preso in prestito da una terza parte) come una priorità. È significativo che l'Organizzazione Mondiale della Sanità e le Nazioni Unite non siano state in grado di rispondere alla sfida della pandemia.
 
Quindi, c'è qualcosa che non va nel progetto per un governo mondiale e una governance globale. Le decisioni sovrane sembrano più efficaci, anche se l'esperienza viene poi applicata su scala globale.
 
Un'opinione diversa sull'uso della forza militare contro la pandemia è stata avanzata dall'ammiraglio della Marina in pensione ed ex comandante supremo alleato della NATO James Stavridis, che ha reagito alla pandemia con un articolo pubblicato sul sito web di Bloomberg [3] il 14 marzo. Loda naturalmente le forze armate statunitensi per il loro coinvolgimento nella lotta alla diffusione del colera ad Haiti nel 2010 e il ruolo dell'America nella prevenzione della diffusione dell'ebola nell'Africa occidentale. Significativamente, tuttavia, rende anche omaggio ai militari cinesi, che sono riusciti rapidamente a fondare un ospedale a Wuhan. Stavridis ci esorta a prendere lezioni dalla Cina e riformare il Pentagono sugli stessi principi: l'esercito americano dovrebbe essere in grado di passare rapidamente a compiti civili, la collaborazione interdipartimentale e, in particolare, il coordinamento con le organizzazioni chiave sulla questione dovrebbe essere sviluppato in dettaglio e messo in pratica.
 
Un confronto con le condizioni di guerra può essere considerato anche dalla posizione di una strategia a lungo termine, vale a dire le successive condizioni di pace. Durante la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno cercato di stabilire le proprie regole per i prossimi decenni e aumentare la propria influenza utilizzando il Piano Marshall e ora il Federal Reserve System sta riducendo il tasso di sconto e stampando miliardi di dollari in più, il che aumenterà solo il livello di rischio derivante dal crollo della massa globale di banconote sostenuta da assolutamente nulla. Questi sono simili ai vecchi metodi, ma funzioneranno in queste nuove condizioni?
__
 
 
*****************************
Articolo originale di Leonid Savin:
Traduzione di Costantino Ceoldo