Iran e multipolarità

23.08.2018

All'inizio del millennio, Mohammad Khatami, presidente dell’Iran dal 1997 al 2005, ha proposto il concetto di dialogo tra civiltà. Al lavoro di Samuel Huntington, Scontro di civiltà, Khatami ha insistito e sostenuto la necessità di discutere tra diverse religioni e culture, specialmente durante il suo discorso alla cinquantatreesima sessione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite (1998-1999) quando dichiarò ufficialmente il 2001 come l'anno del dialogo tra civiltà. La particolarità della teoria di Mohammad Khatami sul "dialogo delle civiltà" si basa sul fatto che offre un uso sistematico, accademico e praticamente fattibile e mirato dello scambio tra civiltà per superare le barriere dell'alienazione tenendo conto del livello moderno della tecnologia e della comunicazione con un occhio ai problemi globali che minacciano l'esistenza stessa dell'umanità. [1]Khatami ha detto:

Non dobbiamo dimenticare che culture e civiltà hanno sempre interazione e influenza reciproca. Nuove abilità si formano a causa della loro interazione. Il paradigma di non dialogo porta allo stallo, per superare il quale inevitabilmente facciamo appello agli approcci di dialogo. Gli indicatori costruttivi del dialogo devono essere limitati alle sfere della politica e della cultura. Non tutti gli indicatori costruttivi della cultura sono solo culturali; poiché aspetti economici, sociali, culturali ed educativi partecipano a questa formazione. Pertanto, la promozione del dialogo delle civiltà dovrebbe essere riconosciuta come una necessità multiforme.[2]

Nel 2001, tuttavia, un attacco terroristico ha colpito New York e i neoconamericani hanno successivamente trionfato nella loro insistenza sulla necessità di un intervento militare in Iraq e in Afghanistan con il pretesto di combattere il terrorismo e trovare armi (inesistenti) di distruzione di massa. Il duro dualismo presentato come un ultimatum dall'amministrazione di George W. Bush sulle note di "coloro che non sono con noi, sono con i terroristi" ha sepolto qualsiasi tentativo di stabilire un tale dialogo di civiltà.

Durante la presidenza del successore di Khatami, Mahmoud Ahmadinejad, l'Iran divenne ancora un altro pretesto per le "preoccupazioni" dell'occidente. Nel frattempo, l'Iran divenne un oggetto di interesse per tutte quelle forze che resistevano alla globalizzazione unipolare guidata da Washington. I prezzi elevati e la domanda di petrolio hanno contribuito allo sviluppo economico dell'Iran, sebbene le sanzioni imposte dai Paesi occidentali e successivamente dall'ONU abbiano ostacolato l'economia iraniana. Nonostante questo, l'Iran ha dimostrato capacità di resistenza politica all'influenza esterna, è rimasto fedele ai suoi principi ideologici ed ha affermato il suo diritto ad essere un attore influente nella regione. Inoltre, l'Iran sotto Ahmadinejad ha iniziato a cooperare attivamente con quei Paesi dell'America latina che hanno adottato un corso di politica estera antimperialista.

Il fatto che i leader di questi Paesi, e in primo luogo il Venezuela, l'Ecuador, il Nicaragua e la Bolivia aderirono alle posizioni socialiste, non ostacolò la creazione di un'alleanza che si prefiggeva l'obiettivo della multipolarità politica basata sul rispetto della sovranità degli stati e tradizioni culturali dei loro popoli. È stata ampliata anche la cooperazione con la Russia, la Cina e i Paesi africani.

Inoltre, opinioni analoghe sono state condivise da altri esponenti politici della Repubblica islamica dell'Iran. Nel maggio 2006, il comandante in capo del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche, generale Yahya Rahim Safavi, ha sottolineato che "oggi, prendendo in considerazione Paesi come la Russia, la Cina, l'India e l'Iran, il mondo si sta muovendo nella direzione di multipolarità contraria al desiderio degli Stati Uniti." [3]Ahmadinejad ha proseguito il percorso dell'Iran verso il multipolarismo anche durante il suo secondo mandato presidenziale. Alla sessantacinquesima sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite nell'ottobre 2010, Ahmadinejad ha dichiarato:

L'inefficienza del capitalismo e dell’amministrazione globale esistente e delle sue strutture si è manifestata per molti anni e la maggior parte dei Paesi e dei popoli sono alla ricerca di cambiamenti fondamentali nell'interesse della giustizia nelle relazioni internazionali... Il mondo ha bisogno della logica della compassione, di giustizia e cooperazione universale, non della logica della forza, del dominio, dell'unipolarismo, della guerra e dell'intimidazione... Il popolo iraniano e la maggioranza dei popoli e dei governi del mondo sono contrari all'attuale governo discriminatorio e globale. La natura disumana di questa amministrazione l'ha paralizzata e richiede una revisione radicale. La cooperazione universale, i pensieri puri e il governo divino e umano sono necessari per rimediare alla situazione nel mondo e alla transizione verso la pace e la prosperità.[4]

Anche il leader supremo dell'Iran, l'Ayatollah Khamenei, ha sottolineato la ricerca del multipolarismo. Durante il suo discorso al sedicesimo summit del Movimento dei Paesi Non Allineati a Teheran, nell'agosto 2012, Khamenei ha sottolineato la necessità di riformare l'ONU, ha attirato l'attenzione sull'imposizione unilaterale dei suoi programmi che minano i principi della democrazia, il lavoro distruttivo dei mass media monopolizzati e i problemi delle armi di distruzione di massa. Khamenei ha proposto la dottrina di un "Medio oriente senza armi nucleari" con la quale, naturalmente, intendeva Israele come un emarginato in questo tema ed ha sottolineato la necessità di migliorare "la produttività politica nell’amministrazione globale". [5]Senza dubbio, un luogo come il summit del Movimento dei Paesi Non Allineati non è solo per relazioni politiche che consigliano la necessità di alta morale e giustizia, ma è una piattaforma per criticare il neo-imperialismo. È un potente gruppo di leader ed alti funzionari di Stato di tutti i continenti per incontrarsi e approfittare di un'opportunità decente per raggiungere accordi, discutere le prospettive di progetti comuni e ridurre possibili frizioni nelle relazioni diplomatiche [6]. Il ruolo dell'Iran in questo senso è molto indicativo.

Se l'Iran di fatto è ed è stato fin da prima un centro geopolitico, allora la mutevole situazione internazionale ha aperto la possibilità di trasformare il suo status e salire al livello di polo geopolitico. Se l'Iran viene avvicinato non solo come Stato-Nazione sovrano, ma come centro dell'Islam sciita, allora indubbiamente vediamo che l'influenza dell'Iran in un certo numero di Paesi con popolazioni sciite lo rende un soggetto geopolitico di un livello e un significato diverso. Libano, Siria, Iraq, Yemen e Palestina sono Stati che dipendono dal sostegno dell'Iran attraverso vari meccanismi.

L'esperto di relazioni internazionali iraniane Behzad Khoshandam afferma che il 2016 è stato un punto di svolta per l'Iran in merito alla scelta del suo corso internazionale, che è stato finalmente confermato essere quello del multipolarismo. Ciò è dovuto a diversi fattori interconnessi: (1) la firma dell'accordo nucleare con sei Paesi (una manifestazione della logica della pazienza strategica dell'Iran negli interessi politici, commerciali, economici e di altro genere); (2) riavvicinamento alla Russia; (3) la vittoria di Trump nelle elezioni presidenziali americane; (4) comprendere le intenzioni ostili dei numerosi Paesi che conducono guerre per procura contro l'Iran (Qatar, Arabia Saudita, Israele); (5) e la grave svolta generale verso l'Eurasia. [7]A questo possiamo aggiungere l'accordo strategico con la Cina, annunciato a gennaio 2016, che include Pechino che sostiene attivamente l'Iran nell'acquisire la piena adesione alla SCO. [8]

In effetti, secondo gli studiosi iraniani, gli interessi nazionali del Paese sono meglio protetti nientemeno che dal paradigma multipolare della politica globale. Mohammad Mehdi Mazaheri dell'Università di Teheran ritiene che solo in un sistema internazionale multipolare la cooperazione regionale e le relazioni equilibrate con tutti gli stati potenti aiutino i Paesi a raggiungere i propri interessi nazionali. [9] Lo scienziato politico iraniano Massoud Mousavi Shafaei della Tarbiat Modares University ha proposto all'Iran di sfruttare la fluidità del sistema internazionale e l'emergere di nuove condizioni per operazioni attive in diversi contesti regionali. Nella misura in cui l'Iran si trova tra il Medio Oriente e l'Asia centrale, ha davvero una scelta. Il Medio Oriente è sommerso dal caos, dai conflitti etnici, dalle guerre e dal terrore e questa crisi probabilmente continuerà per un periodo di tempo indefinito. In queste circostanze, il ripristino dell'ordine nella regione sotto la guida di un singolo potere egemonico o anche sotto la pressione di grandi potenze è considerato praticamente impossibile. [10]Dato che gli Stati Uniti strumentalizzano la maggior parte dei Paesi arabi per contenere le ambizioni geopolitiche dell'Iran, questa tesi è giustificata. Washington semplicemente non permetterà all'Iran di essere più attivamente impegnato nella regione, anche se le intenzioni iraniane sono del tutto benevoli e nobili. Pertanto, secondo l'opinione di Massoud Mousavi Shafaei, l'Iran deve riorientare sé stesso e la sua logica geo-economica verso l'Asia centrale ed il sud-est asiatico. Tuttavia, ciò non significa la fine della presenza iraniana nel Medio Oriente necessaria per difendere i suoi interessi vitali di sicurezza nazionale.

È stato anche espresso il parere che Russia, Iran e Cina "sentono tutti che [un] mondo multipolare è l'unica condizione per lo sviluppo futuro del nostro pianeta e dei suoi abitanti. Hanno sperimentato più e più volte che i dettami unilaterali provenienti dagli Stati Uniti, invece di risolvere i problemi, ne generano sempre di più. Quindi è ovviamente nei loro interessi, essere uniti sulla questione della multi-polarità e insistere - attraverso varie istituzioni come gli Stati Uniti, o la stampa, o anche nuove alleanze militari - che l’usuale stato delle cose - non sarà accettato.“[11]

L'Iran comprende che aderire al club multipolare significa inevitabilmente una pressione da parte dell'Occidente. Pertanto, Teheran può aspettarsi nuove sfide, così come gli altri architetti dell'ordine mondiale multipolare. In quest'ottica, il professor Jahangir Karami dell'Università di Teheran ha notato che sebbene la Russia possa effettivamente restringere l'approccio unilaterale degli Stati Uniti attraverso l'ONU, l'espansione della NATO sfida gli sforzi della Russia, come nel caso delle crisi provocate in Ucraina e in Siria dirette contro Mosca. [12]

Tuttavia, l'Iran ha una lunga storia di resistenza all'egemonia Occidentale e ad altre forze dai primi contatti con i portoghesi all'inizio del XVI secolo fino al sequestro dell'ambasciata americana durante la rivoluzione islamica del 1979. In effetti, l’opporsi alle sanzioni statunitensi e il lavorare per sviluppare i propri approcci economici e la condotta negli affari internazionali sono caratteristici della rotta dell'Iran verso il multipolarismo.

[1] Melikhov I.A. M. Khatami: Dialogo inter-civiltà e comunità musulmana/ "Diplomatic Herald", serie "Diplomazia, scienza e pubblico". N° 9. 2001.

[2] Seyyed Mohammad Khatami: Dialogo tra civiltà. Conferenza ad alto livello. Eurasia nel XXI secolo: Dialogo di culture o conflitto di civiltà?Issyk-Kul, Kirghizistan, 10 e 11 giugno 2004. Parigi, 2005.

http://unesdoc.unesco.org/images/0014/001465/146593E.pdf

[3] Iran e Federazione Russa: Russia, Cina, India e Iran: una potente linea di forza, 10 maggio 2006

http://www.iran.ru/news/politics/39484/Iran_i_Rossiyskaya_Federaciya_Rossiya_Kitay_Indiya_i_Iran_liniya_moshchnoy_sily

[4] Dichiarazione del Presidente dell'Iran in occasione della sessantacinquesima sessione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, 4 ottobre 2010

http://www.iran.ru/news/interview/68545/Vystuplenie_prezidenta_Irana_na_65_y_sessii_Generalnoy_Assamblei_OON

[5] Discorso dell'Ayatollah Khamenei al vertice del Movimento dei Paesi Non Allineati // Geopolitica. 31.08.12

 http://www.geopolitica.ru/Articles/1483/

[6] Savin L.V. Iran: Il movimento dei non allineati e multipolarità

Geopolitics.ru, 17.09.2012 

https://www.geopolitica.ru/article/dvizhenie-neprisoedineniya-iran-i-mnogopolyarnost

[7] Behzad Khoshandam: La politica estera dell'Iran nel 2016, Iran Review, 28 dicembre 2016

http://www.iranreview.org/content/Documents/Iran-s-Foreign-Policy-in-2016.htm

[8] Iran, Cina, annunciano una roadmap per un partenariato strategico, Farsnews, 23 gennaio 2016

http://en.farsnews.com/newstext.aspx?nn=13941103001266

[9] Mohammad Mehdi Mazaheri: Il sostegno della Russia per un sistema internazionale multipolare, Iran Review, 21 settembre 2015

http://www.iranreview.org/content/Documents/Russia-Bracing-for-Multipolar-International-System.htm

[10] Massoud Mousavi Shafaei: La politica estera iraniana ha bisogno di un cambio di paradigma: transizione dal terrore del Medio Oriente alla geo-economia della speranza asiatica, Iran Review, 31 Gennaio, 2017

http://www.iranreview.org/content/Documents/Iran-s-Foreign-Policy-Needs-Paradigm-Change-Transition-from-Middle-Eastern-Terror-to-Geo-economics-of-Asian-Hope.htm

[11] Prof. Golstein: Russia, Iran e Cina sentono che il mondo multi-polare è la sola condizione per lo sviluppo futuro, 17 lug 2016

http://en.farsnews.com/newstext.aspx?nn=13950421000941

[12] Jahangir Karami: La Russia, le crisi in Siria e in Ucraina e il futuro del Sistema Internazionale, Iran Review, 15 Apr 2014 

http://www.iranreview.org/content/Documents/Russia-Crises-in-Syria-and-Ukraine-and-the-Future-of-the-International-System.htm

**********************

Articolo originale di Leonid Savin:

https://www.geopolitica.ru/en/article/iran-and-multipolarity

 

Traduzione di Costantino Ceoldo – Pravda freelance