La Casa Bianca in una situazione di stallo globale

19.04.2021

In qualità di successori dell'amministrazione Obama e di altri presidenti degli Stati Uniti, i componenti la squadra di Biden sono consapevoli che le precedenti amministrazioni statunitensi non sono riuscite a riconoscere il Medio Oriente e la Cina come potenze emergenti, anche con guerre costose in Medio Oriente e influenze economica in Cina. Pur iniettando grandi investimenti nella società e nelle sue “porte aperte”, [le precedenti amministrazioni] non sono riuscite a creare, nella regione e in Cina, gruppi alleati o ricchi, affiliati all'Occidente per proteggere gli interessi degli Stati Uniti e dei loro alleati.

Di fronte al coronavirus e alla recessione degli Stati Uniti, Biden non può facilmente offrire un piano migliore degli ex presidenti degli Stati Uniti, a causa del costo dei gravi conflitti in Siria, Iraq e Afghanistan e delle gravi rivalità economiche con la Cina, ad eccezione delle realtà politiche. Nel caso di Cina, Russia, Europa e Iran, [deve] abbozzare e agire di conseguenza.

Un altro problema per la nuova amministrazione statunitense è l’Europa, che ha preso le distanze dagli Stati Uniti di Trump, che ha visto rifiutare l'invito fatto ad Almaty alla Cancelliera Merkel per il vertice del G7 negli Stati Uniti. L'Unione Europea, guidata da Francia e Germania, sotto Trump, ha mostrato la volontà di perseguire politiche più indipendenti da Washington negli ultimi anni e non ha esitato a commerciare con la Cina e ha recentemente raggiunto un importante accordo.

La differenza tra gli altri ex presidenti degli Stati Uniti e Biden è che quest’ultimo ha esperienza dil governo in politica interna ed estera e cerca di mettere da parte tutto ciò che Trump ha fatto durante il suo mandato. L'abrogazione degli ordini [precedenti] riporta gli Stati Uniti nei trattati internazionali, aggiunge impegni alla Casa Bianca e diventa una parte importante del lavoro di governo, affronta la presenza militare degli Stati Uniti in Medio Oriente e le relazioni tese degli Stati Uniti con la Cina, dà priorità a Russia, Iran, così come all'Unione Europea e alla NATO.

Resta da vedere se la nuova strategia di Biden per contenere Cina, Russia e Iran stia ancora alimentando conflitti politici e creando false polarità in questi Paesi con l'obiettivo di creare malcontento interno. Le precedenti amministrazioni statunitensi hanno cercato di creare una dicotomia nei popoli di questi Paesi attraverso la polarizzazione Oriente-Occidente, costringendoli a scegliere tra due opzioni per coinvolgere il sistema politico nelle differenze tra nazione e governo. Il problema è stato che in questo sforzo stesso, la pro-occidentalizzazione di Cina o Russia è stata priva di significato per gli Stati Uniti. Mentre Russia e Cina hanno guardato all'Occidente per lo sviluppo economico e culturale, Washington è stata negli ultimi decenni ancora scettica e indifferente all'occidentalizzazione dei due Paesi.

Naturalmente, la Cina ha una visione occidentale del commercio ma con un'interpretazione tradizionalista cinese. Il carattere dei cinesi è ascoltare l'altra parte e infine affrontare il contenzioso con malizia orientale e Pechino porta avanti da anni la stessa politica con gli Stati Uniti e i loro alleati.

La comprensione della Cina di temi come potere, sviluppo ed egemonia, o sconfitta e vittoria, è fondamentalmente diversa dalla comprensione che ne hanno Stati Uniti ed Europa. I cinesi hanno lasciato il segno su sé stessi e nel mondo dall'inizio degli anni '70. Hanno dato priorità allo sviluppo e alla riduzione della povertà, emergendo come superpotenza sotto forma di cooperazioni con i Paesi del mondo. Pertanto, le relazioni estere e l'ambiente commerciale della Cina, a differenza di quelli degli Stati Uniti che sono politici e di sicurezza, sono economici e commerciali e Pechino ha avuto successo in questo.

Nel processo di macro-strategie di sviluppo economico Est-Ovest, la Cina ha raggiunto la fine dei confini occidentali e orientali del mondo, il che ha gravemente danneggiato Washington e da diversi anni obbliga gli Stati Uniti ad adottare contromisure, che finora sono risultate inefficaci, nelle aree di diritti umani, economia e geopolitica per allineare la costosa influenza cinese.

Il problema per Stati Uniti ed Europa nel comprendere e analizzare il comportamento di Pechino è che esaminano la Cina sulla base della loro comprensione universale dei fenomeni politici. Lo stesso errore cognitivo nell'analisi della Cina ha portato alla confusione degli Stati Uniti e dell'Europa nella comprensione del comportamento politico ed economico di Pechino in patria e all'estero.

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno già sfidato la Cina senza una conoscenza sufficiente della sua struttura politica e popolare, come l'aumento dei salari nei suoi distretti produttivi, cosa che avrebbe dovuto accendere le prime scintille di disordini sociali in Cina. Si aspettavano che l'aumento dei salari o la chiusura di unità commerciali e industriali in Cina avrebbe portato a disordini interni e scioperi. Ma sorprendentemente, poiché non conoscevano le caratteristiche culturali della Cina, non è successo nulla anche dopo che [alcune fabbriche] hanno lasciato la Cina e gli operai sono stati licenziati.

Quindi, quando si tratta di potere e della rivalità tra Cina e Stati Uniti e della possibilità di una superpotenza cinese in futuro, diventa impossibile comprendere gran parte del comportamento cinese. Gli Stati Uniti e i loro alleati si sorprendono della tanta libertà economica e sociale in Cina. Come possono tutte le seduzioni hollywoodiane verso i giovani cinesi all'interno del rigido sistema politico non portare a ribellione e crisi quando l'Occidente non riesce nemmeno a far avanzare la rivoluzione a Hong Kong, nella metà occidentale e nella metà cinese?

Il trucco cinese è che non definiscono il commercio estero ideologicamente o politicamente, si comportano invece come la Svizzera. Ovunque ci sia denaro o commercio, i cinesi sono presenti e mentre i governi alla Casa Bianca si sono concentrati sulla guerra e sulle sanzioni, i cinesi si sono concentrati sull'attività economica. A differenza degli Stati Uniti, hanno imparato dalla Storia a non percorrere il sentiero della tensione e del conflitto, così come della guerra, che danneggiano il benessere e la fiducia pubblica. Questa logica della Cina nel commercio estero è stata imposta all'Europa, agli Stati Uniti e persino ai Paesi arabi. Negli ultimi anni, ovunque gli Stati Uniti siano entrati in guerra e abbiano provocato il caos, i cinesi sono immediatamente arrivati ed hanno iniziato il loro commercio. Anche con un veto congiunto con la Russia, i cinesi hanno confermato la continuazione delle crisi create dagli Stati Uniti attraverso la guerra o la pressione politica, aumentando più del previsto i costi materiali e umani per gli americani.

I cinesi sopravanzavano gli Stati Uniti nelle guerre in Medio Oriente, condotte a caro prezzo per gli Stati Uniti e potrebbero raggiungere il loro obiettivo principale di diventare la prima potenza economica del mondo entro il 2027. Nel frattempo, gli Stati Uniti si sono schierati sulla questione di Taiwan, Xinjiang e il Mar Cinese Meridionale.

I cinesi sanno bene che se i fattori di potere nel mondo sono il capitale umano e la ricchezza, la Cina ne ha più di ogni altro Paese al mondo. La Cina ha avuto più di 800.000 studenti negli Stati Uniti, in Australia e in Europa nel periodo 2019-2018. Pertanto, la visione dei leader cinesi sul sistema intellettuale ed educativo occidentale non è antiamericana o antioccidentale e in questa visione non ci sono due orientamenti, orientale e occidentale. Questo è il segreto del successo della Cina nello sviluppo economico e sociale.

Le statistiche mostrano che la Cina ha aumentato le proprie riserve di valuta estera da 108,6 miliardi di dollari a 3,220 miliardi nel 2020, superando gli Stati Uniti come principale destinatario di investimenti esteri diretti e investendo 163 miliardi di dollari. Gli stranieri sono attratti.

Quindi, la continua sfida dell'amministrazione Biden alla Cina è un grosso morso alla gola per la Casa Bianca. Allo stesso tempo, la risposta della Cina alla guerra commerciale di Biden nel post-Trump non è necessariamente quella che ci si aspetta da un attore internazionale convenzionale. Pechino fa affidamento sulle sue risorse nazionali e sulla pazienza strategica per sfidare o affrontare, economicamente o anche militarmente, gli Stati Uniti e i loro alleati europei.

**************************************

Articolo originale di Pooya Mirzaei:

https://www.geopolitica.ru/en/article/white-house-global-stalemate

Traduzione di Costantino Ceoldo