L’abbandono della classe operaia

26.01.2018
 Una delle grandi tragedie del nostro tempo è l'abbandono della classe operaia da parte della sinistra liberal progressista bianca. Non è più la classe operaia ad essere la vittima e Wall Street, le grandi banche e i capitalisti ad essere i carnefici. Oggi il carnefice è la classe lavoratrice bianca e la vittima è chiunque altro. In qualche modo, la classe operaia, i cui redditi e opportunità si sono ridotti per tre decenni, una classe che non possiede uomini politici ed è stata abbandonata anche dal Partito Democratico, è il potente sfruttatore che ha messo da parte i miliardari e ha dominato l'America al loro posto. Quanto è probabile che la bistrattata classe lavoratrice, marchiata da Hillary Clinton come "i deplorevoli di Trump", sia quella che governa l’America?
 
I capitalisti usano il loro potere per massimizzare il loro reddito e la loro ricchezza, ma nelle politiche identitarie il maschio bianco usa semplicemente il suo potere per impegnarsi nel razzismo, nel sessismo e nell'omofobia. Inoltre, a differenza dei gruppi di vittime - omosessuali, minoranze privilegiate e donne - il maschio bianco non è protetto da quote, correttezza politica e contro i crimini di odio. Un maschio bianco può essere offeso in vari modi, ma una parola è considerata offensiva o minacciosa per un membro di un gruppo di vittime e, a sua volta, il potente maschio bianco è spinto ad allenare la sensibilità o a finire tra le fila dei disoccupati. Se la verità fosse possibile, chiaramente sarebbero i maschi eterosessuali bianchi a comprendere  il gruppo delle vittime.
 
Ma come tutte le ideologie, la politica identitaria è cieca ai fatti. L'ideologia non è basata sulla verità. La politica identitaria è basata sul marxismo culturale ebraico, che è stato progettato per rompere la società goy, ed ha fatto un buon lavoro.
 
La politica identitaria ha una vasta capacità di distorcere la comprensione. Ad esempio, un risultato positivo dell'elezione a presidente di Donald Trump è la rivitalizzazione delle organizzazioni nazionali della fauna selvatica e dell'ambiente. La dipendenza di queste organizzazioni dalle sovvenzioni aziendali e, quindi, dai dirigenti aziendali come membri dei loro consigli di amministrazione, ha diminuito il loro spirito combattivo. L'assalto totale di Trump all'ambiente - persino i monumenti nazionali e le acque costiere protette della Florida - le sta facendo rivivere.
 
Le riviste delle organizzazioni ambientaliste e della fauna selvatica stanno diventando più combattive, una buona cosa. Ad esempio, nel numero corrente di Sierra, c'è un articolo, "Fool's Gold", di Sophia Jones: 
L'articolo parla delle acquisizioni da parte del colosso minerario del Colorado, Newmont, di piccole fattorie in Ghana per espandere le proprie operazioni minerarie.
 
In qualche modo, la compagnia mineraria statunitense, probabilmente con il pagamento di tangenti, ha ottenuto il permesso dal governo del Ghana, o da chiunque nel governo del Ghana, per permettere alla società mineraria di sfrattare i cittadini ghanesi dalla loro terra ad costo minimo per Newmont. Sophia Jones scrive che Yaa Konadu è stata trasferita dalla sua terra, dove lei e i suoi familiari erano autosufficienti, con un costo per Newmont di soli 343 miseri dollari.
 
L'articolo documenta molte conseguenze negative delle acquisizioni da parte di Newmont, tra cui la rovina delle risorse idriche e l'esposizione di giovani donne sessualmente interessate ad impiegati maschili che non si preoccupano delle gravidanze che ne derivano.
 
Per quanto posso accertare, Sophia Jones sta fornendo informazioni accurate. Non è mia intenzione screditarla sottolineando che lei, forse sotto l'influenza di politiche identitarie, perde il fulcro della sua storia di sfruttamento capitalista, sostituendolo con lo sfruttamento delle donne da parte di uomini. Il cattivo dell’articolo cessa di essere Newmont e diventa il maschio eterosessuale.
 
Se si legge l'articolo di Sierra, cosa che raccomando, si vedrà che le politiche identitarie impediscono a Sophia Jones di concentrarsi sullo sfruttamento capitalista. Il capitalismo globale sta rovinando la vita delle persone in tutto il mondo, ma l'enfasi è diluita con una storia di sfruttamento sessuale.
 
Per il capitalismo sfruttatore globale, la politica identitaria è una creazione utile che distoglie l'attenzione da sé stesso. Riesco a visualizzare lo staff di pianificazione aziendale che decide che il modo per violentare uno Stato economicamente è spostare l'attenzione sulla politica di genere.
 
L'aspetto negativo dell'articolo di Sophia Jones su Sierra è che sposta la preoccupazione lontano dallo sfruttamento capitalista globale. In altre parole, le politiche identitarie servono la classe dominante, mascherando chi è il vero sfruttatore.