L'Ucraina ha accusato la Francia di ritardare la concessione di regime senza visti con l'UE

Giovedì, 29 Dicembre, 2016 - 11:15

Vice capo dell'amministrazione presidenziale ucraina, Konstantin Eliseev, crede che il paese non ha ancora ricevuto un regime senza visti con l'Unione europea a causa della posizione della Francia. Lo ha affermato in un'intervista.

"Il ritardo è dovuto alla posizione dei singoli Stati membri, quali non possono attraversare la barriera psicologica in termini di liberalizzazione dei visti con uno dei più grandi paesi in Europa. Sto parlando della Francia. Nonostante il fatto che la parte francese percepisce questo fatto sensibile, ci dobbiamo ammettere", - ha detto lui.

Secondo lui, 2017 sarà l'anno di liberalizzazione tra l'Ucraina e l'Unione europea. Tuttavia, Eliseev ha detto che parlare delle date specifiche non è giusto "per non indurre in errore gli ottimisti e non dare un nuovo alimento per i pessimisti".

In precedenza, il capo del Parlamento europeo, Martin Schulz, ha dichiarato la sua disponibilità a completare tutte le procedure per la concessione del regime senza visti con l'UE.

Tutte le notizie

01.11.2017 - 02:04
28.04.2017 - 02:13
La protesta contro lʼelezione del presidente dellʼAssemblea nel corso di un voto considerato illegittimo
27.04.2017 - 23:45
Il professor Ted Malloch, diplomatico Usa indicato da Donald Trump come prossimo ambasciatore americano presso l'Unione europea, sarà a Milano giovedi prossimo 4 maggio.
27.04.2017 - 23:39
I cittadini in gran numero vengono al parlamento sia da Skopje e in altre città Macedoni.