Manipolazione di Google

Lunedì, 12 Settembre, 2016 - 22:15

Un gruppo di scienziati guidati da uno psicologo, professore di Harvard, Robert Epstein, hanno analizzato il completamento automatico delle ricerche di Google sul candidato per la presidenza degli Stati Uniti del Pd, Hillary Clinton.

La base del materiale si basa sui dati di ricerca che prende in esame non solo quello tecnico, ma anche l'aspetto psicologico della questione: la polarizzazione dei motori di ricerca, secondo gli scienziati, hanno un impatto diretto sui risultati delle elezioni.

Tra auto-ricerche che Google dà per la richiesta di informazioni su Hillary Clinton, non vi era alcuna indicazione, per esempio, dell'inchiesta condotta nei confronti dell’ex Segretario di Stato.

I ricercatori hanno ricevuto i risultati interessanti inserendo il nome del candidato, Hillary Clinton: "Hillary Clinton vince", "Hillary Clinton è meravigliosa".

I rappresentanti di Google in una lettera al The Washington Times hanno confutato le accuse, affermando che la funzione di ricerca automatica non ripartisca nessuno dei candidati e non censura le ricerche più popolari.

Tuttavia, gli autori hanno scoperto, che questo funziona sempre se metti in ricerca il nome  dell’avversario di Clinton - Donald Trump, la prima versione del servizio proposto sarebbe "Donald Trump è morto".

 

Tutte le notizie

28.04.2017 - 02:13
La protesta contro lʼelezione del presidente dellʼAssemblea nel corso di un voto considerato illegittimo
27.04.2017 - 23:45
Il professor Ted Malloch, diplomatico Usa indicato da Donald Trump come prossimo ambasciatore americano presso l'Unione europea, sarà a Milano giovedi prossimo 4 maggio.
27.04.2017 - 23:39
I cittadini in gran numero vengono al parlamento sia da Skopje e in altre città Macedoni.