Society

La morte dell’Europa

29.12.2021

La morte dell'Europa non è solo una metafora, ma è la cruda realtà: l'Europa ha scelto questa strada cento anni fa e ora è l'inizio della fine.

Sul realismo speculativo

24.12.2021

Oggi ci dedicheremo alla filosofia contemporanea, più precisamente al realismo speculativo e all’ontologia orientata agli oggetti. A mio avviso, si tratta di una questione molto importante.

Nick Land e l’attualità dell’Illuminismo Oscuro

06.12.2021

Il filosofo britannico Nick Land, nato nel 1962, noto come padre di quel filone filosofico nato negli anni ’90, all’epoca della crisi delle ideologie, e sovente detto accelerazionismo, è poco conosciuto in Italia e nei paesi dell’Europa mediterranea; solo negli ultimi due anni due sue opere sono state tradotte in italiano: Collasso. Scritti 1987-1994 a cura della Luiss University Press, e L’Illuminismo Oscuro tradotto e curato dalla Gog Edizioni. Di quest’ultima opera ci si vuole qui occupare analizzandone alcuni aspetti che rappresentano le teorie innovative di Land e spesso utili per comprendere la nostra epoca.

Approfittare delle crisi: commenti su Bökenkamp

26.10.2021

Probabilmente è prudente iniziare con la chiara affermazione che la pandemia è reale, che il COVID-19 ha preso molte vite e che sono state necessarie misure di sanità pubblica per cercare di limitare la devastazione della malattia.

AUTOPSIA SOCIO-POLITICA DELLA QUESTIONE MIGRATORIA TALASSICA

16.09.2021

Si assiste sul suolo europeo da un paio di anni, a quella che viene definita « ondata migratoria » dal media mainstream occidentale. Terminologia che troppo spesso manipolata dalle diverse forze partitocratiche dette « populiste »  o « nazionaliste » . Questi partiti sono in una chiave di lettura che consiste ad opporsi in modo caricaturale ad un male evidente, malgrado non lo si voglia affrontare, piuttosto che opporsi e trovare un punto di soluzione , dinnanzi alle cause di cui sono direttamente o indirettamente responsabili. L'Africa continentale non ha mai ottenuto una vera e propria indipendenza che le permettesse di prendere in mano il proprio destino nel suo paradigma singolare. Parliamo di un continente policentrico tutt'oggi asfissiato da deleterie politiche interne che, attraverso una certa endogamia incestuosa sul campo politico-economico, con la classe dirigente oligarchica occidentale, a sua volta subordinata alle forze globaliste, non permettono all'Africa di progredire ed autodeterminarsi. Addizionando molteplici realtà, si giunge al problema migratorio che svilupperò in diversi punti.

La caduta di Gerusalemme

01.09.2021

Il 10 agosto 70 d.C., un evento molto importante ha avuto luogo per due religioni mondiali, il Cristianesimo e l’Ebraismo. In quel giorno le legioni romane dell’imperatore Tito fecero irruzione in Gerusalemme, difesa dai Giudei Zeloti che si erano sollevati contro il potere romano. I Romani sottoposero gli abitanti a una repressione brutale, uccidendo migliaia di persone, bruciarono la città stessa fino al suolo, e distrussero il Secondo Tempio, costruito da Zorobabele dopo il ritorno degli ebrei dalla cattività babilonese. La caduta della città fu preceduta da una terribile carestia, che costò anche centinaia di migliaia di vite e fu accompagnata da eventi mostruosi, tra cui il cannibalismo, che viene coloratamente descritto dallo storico ebreo Giuseppe Flavio. Per gli ebrei, questo evento è considerato una delle catastrofi più terribili della storia sacra.